Alta qualità Bell & Ross BR03 RS17 Ispirato dal Team F1 Renault 2017 USA falso

orologio Bell & Ross BR03 RS17 Save

Bell & Ross partner del Team Renault Sport Formula One, in occasione della presentazione della squadra 2017 avvenuta lo scorso 21 febbraio a Londra, presenta il nuovo orologio BR03 RS17.

Il marchio di orologi franco-svizzero Bell & Ross fondato alla fine del 20° secolo, da sempre il punto di riferimento per gli orologi da aviazione professionali, ha iniziato nel 2016 la sua avventura con la massima formula.

BR03 RS17 – Pensato come un motore di F1

Ispirato alla Formula 1 il design di Bell & Ross BR03 RS17 è una vetrina da polso dei più̀ recenti progressi tecnologici e dei materiali più innovativi usati nel mondo delle corse.

BR03 RS17Save

Questo orologio è dotato di una cassa in ceramica altamente resistente agli urti e di un quadrante in fibra di carbonio. Quest’ultimo materiale leggero e resistente richiama il volante della vettura Renault R.S.17. Lancetta e scale del cronografo sono in alluminio anodizzato giallo, il colore usato da Renault fin dal suo esordio in Formula 1. Questa serie di orologi dalle elevate prestazioni sarà rivelata fra poche settimane al salone di Basilea.

L’orologio si riferisce al modello base BR03-94; ha una cassa di forma quadra di 42 mm x 42 mm, monta il Calibro 301 automatico meccanico di derivazione ETA 2894 e oltre l’ora offre le funzioni di cronografo con quadrante dei 30 minuti alle 9 e piccoli secondi a ore 3 e datario nella piccola finestra circolare tra le 4 e le 5.

Team F1 Renault 2017Save

Bell & Ross BR03 RS17 sarà prodotto in un’edizione limitata numerata di 500 esemplari, e commercializzato a un prezzo di listino di 5.600 Euro.

Altri dettagli sul sito Bell & Ross.

Da sempre fortemente ispirato dalla velocità e dai mezzi a motore, dopo aver realizzato progetti come la B-Rocket del 2014 o la Aéro-GT del 2016 Bell & Ross Br01-94-s-00555 Price Replica è tornato a stupire con la retro-futurista Bellytanker.Durante la Seconda Guerra Mondiale le operazioni militari, specie quelle nel Pacifico, richiedevano spesso voli a lungo raggio. Nei quali erano impiegati grandi aerei da ricognizione ma anche caccia bombardieri. Questi ultimi, più piccoli e snelli, non avevano però serbatoi di carburante sufficientemente capaci, e per raggiungere un’autonomia di sicurezza venivano equipaggiati con “cisterne” supplementari a forma di bomba alloggiate sotto le ali. Aerodinamiche e pronte ad essere sganciate una volta vuote. Talmente grandi e capienti che avrebbero potuto ospitare una persona. Nuova destinazione d’uso che finiscono per acquisire una volta terminato il conflitto quando, a prezzi stracciati, venivano acquistate e trasformate in autentici razzi terrestri.Negli Anni 50 ci si divertiva con poco. Si prendeva un serbatoio aeronautico della Seconda Guerra Mondiale, ci si aggiungeva un motore, un sedile, quattro ruote e il gioco era fatto. Poi, naturalmente, occorreva anche avere il coraggio di lanciarsi a rotta di collo su un lago salato.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *